Ringhia Gattuso: "Baka? Ci vediamo in uno stanzino"


Risvolti positivi: i 3 punti, che riavvicinano l’Atalanta e tengono vivo il sogno Champions. E poi i lati negativi: la lite in panchina con Bakayoko, l’espulsione di Paquetà, gli infortuni di Biglia e Calhanoglu. Rino Gattuso ne ha viste parecchie in 90′. Prima la carota per i suoi. “È una vittoria importante, siamo là a 3 punti dalla Champions. Si sapeva che oggi ci fosse da soffrire, i giocatori ce l’avevano con me per i cinque giorni di ritiro e io ho detto loro di tirare fuori questa rabbia in campo. Complimenti ad Abate che non giocava da parecchio”.
la lite con baka — Poi il bastone. O meglio, il chiarimento su quel litigio con Bakayoko. “Avevo detto a Bakayoko di scaldarsi, lui aveva bisogno di più tempo e allora ho messo Mauri. Anche io ho mandato a quel paese parecchi allenatori, ma poi finiva là. In questo momento la cosa più importante è il Milan, non queste cose. Non bisogna mancare di rispetto alla maglia e al gruppo, più che a Gattuso. Ci sta un ‘vaffa’, poi però quando siamo a quattrocchi in una stanzina vediamo… La voglio chiudere qua, ne parleremo nello spogliatoio nella mia lingua, che qui in tv e con i giornalisti non posso usare: sono affari nostri”.
nervosismo — Dopo l’espulsione di Romagnoli settimana scorsa col Torino, ecco quella di Paquetà con il Bologna. “Troppi rossi? È la gioventù e m’infastidisce. Mettere le mani addosso all’arbitro è un errore, Paquetà quasi non se ne accorge neanche, perché non ci pensa”.
classifica — Tante problematiche, ma anche una classifica che lascia accese le fiamme di speranza. Certo, servirà anche il passo falso della concorrenza. “Il sogno Champions dipende dall’Atalanta? Noi dobbiamo pensare a noi stessi. Recuperare le energie, perché siamo un po’ a corto e stiamo dando tutto. Non dimentichiamo tutto quello che abbiamo passato: passaggio di proprietà, infortuni, episodi. Il percorso per andare in Champions passa anche da queste variabili. Ma siamo qui. Quindi basta chiacchiere, ne abbiamo fatte fin troppe dopo il derby o dopo la gara con la Lazio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *