Parigi, fiamme quasi domate I pompieri nella cattedrale


L’incendio che ieri ha devastato la cattedrale di Notre Dame a Parigi è “completamente sotto controllo. È parzialmente estinto e ci sono delle fiamme residuali da domare”, ha detto all’alba il portavoce della polizia Gabriel Plus. Cinquecento vigili del fuoco hanno lottato tutta la notte per salvare la struttura e già in mattinata ci sarà una riunione di tecnici e architetti strutturalisti francesi per capire se la cattedrale è stabile e se è possibile rimanere all’interno. Tutte le opere d’arte e anche quelle presenti nel Tesoro della cattedrale (tra cui la Sacra Corona di Spine, un pezzo della Croce e un chiodo della Passione di Cristo) sono state salvate e trasferite nella notte all’Hotel de Ville, la sede del comune cittadino. Saranno portate al Louvre già oggi o mercoledì. Lo riferisce l’emittente Bfmtv. Ora l’interrogativo è su ”come resisterà la struttura” ha dichiarato il segretario di Stato all’Interno, Laurent Nunez, incontrando la stampa, “accantonato il pericolo del fuoco, il problema è strutturale: capire come la struttura risponderà al fuoco violentissimo di questa notte”.
IL DISCORSO — “Vorrei dedicare il mio pensiero a tutti i francesi. Perché Notre Dame è la nostra storia, la nostra letteratura. E la nostra storia sta bruciando. È un luogo nel quale abbiamo vissuto momenti duri, ma anche momenti di vittoria. È l’epicentro della cultura francese”: è quanto ha detto il presidente francese Emmanuel Macron nel suo discorso di fronte alla cattedrale ancora in fiamme, in cui ha promesso che “sarà ricostruita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *