Il Leganés ferma il Real Benzema salva Zidane: 1-1


Dietro a Benzema, il vuoto. È ancora lui una delle poche note positive di un Real Madrid che continua a faticare e vede allontanarsi il secondo posto. Colpa del passo falso al Butarque, dove il Leganés strappa un meritato pareggio dopo aver addirittura accarezzato il sogno di replicare il successo già ottenuto in coppa del Re grazie a un gol di Silva. A salvare la baracca per Zizou, esattamente come nel turno precedente contro l’Eibar, è il solito Benzema, che firma il 18esimo centro stagionale. Bale relegato in panchina per 80’ e primo tempo da dimenticare per i Blancos, che scivolano a quattro lunghezze dall’Atletico.
luca spenta — La squadra di Pellegrino mette subito le cose in chiaro: prima di tutto non prenderle, con una folta linea difensiva e un baricentro molto arretrato. Poi, nel caso, affacciarsi in avanti con puntuali cross per le teste e le sponde di Braithwaite e Carrillo. Semplice, nessuna alchimia, ma quanto basta per mettere in difficoltà questo Real Madrid, lento, in crisi di idee e oggi anche particolarmente vulnerabile dietro per l’assenza dell’infortunato Sergio Ramos. Pur lasciando l’iniziativa ai Blancos (oggi in rosso), le migliori occasioni della prima mezzora sono del Leganés, con Braithwaite autentica spina nel fianco per la coppia Nacho-Varane. Quasi nessun segnale invece dai Blancos salvo una bella intuizione di Isco per Asensio frustrata da una conclusione troppo debole. Il preciso sinistro di Silva (su sponda non a caso di Braithwaite) che porta avanti i padroni di casa allo scadere del primo tempo è quasi come uno schiaffo che dovrebbe servire ai Blancos per destarsi dal torpore.
benzema — La scossa, seppur timida, arriva al rientro in campo. Il merito, come spesso accaduto in stagione è di Benzema. Tra i pochi propositivi nei primi 45’, il francese suona la carica al 50’ ben imbeccato da Modric: doppio destro, il primo respinto a fatica da Cuellar, il secondo dentro a fil di palo. Supportato dal croato, anche lui particolarmente ispirato, Benzema è l’unico in grado di trovare i pochi varchi buoni e veste anche i panni dell’uomo assist. Peccato che predichi nel deserto, perché Asensio spreca ben due palloni serviti sul piatto d’argento a pochi passi da Cuellar, successivamente Marcelo spreca un geniale assist di tacco sparando alto dal limite. Le ultime mosse di Zizou, a dieci minuti dal termine, portano il nome di Lucas Vazquez e Bale. Che però fanno ben poco per far rimangiare al tecnico francese l’iniziale esclusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *