Agnelli: "Ajax, un esempio Al top anche senza risorse"


All’Allianz si parla con profitto di seconde squadre e futuro del nostro calcio, ma il presente è un club, lo stesso che ospita il convegno, arrivato ai quarti di Champions con ambizione feroce. Così, proprio mentre in sala parlava Federico Cherubini, braccio destro di Fabio Paratici e gran ciambellano dell’Under 23 juventina (a sentirlo in prima fila anche il grande ex Beppe Marotta), è arrivata la notizia da Nyon. Per la Juve c’è l’Ajax, pioniera nel trasformare i ragazzi in pepite d’oro. Anche per questo il presidente Andrea Agnelli ha elogiato il rivale da non sottovalutare in nessun caso: “L’Ajax ha fatto una grandissima scuola e questo è l’esempio principe che anche in un mercato senza risorse economiche, attraverso la politica sportiva, possono esserci società di alto livello internazionale. L’Ajax oggi è ai quarti, ma l’abbiamo visto in finale di Europa League due anni fa. Quindi è il sistema che deve andare avanti…”.
l’esempio — Tra il presidente federale, Gabriele Gravina, e quello della Lega Pro, Francesco Ghirelli, Agnelli ha usato proprio l’Ajax per andare a fondo al tema del giorno: “Bisogna riflettere sui Paesi come l’Olanda che non hanno i mezzi di altri e restano competitivi nel tempo – ha detto -. Se noi pensiamo alla storia del calcio, una volta la differenza la facevano le metropoli, poi con l’accesso delle tv i mercati hanno cominciato a fare la differenza. Gli altri Paesi, invece, hanno dovuto continuare nella loro tradizione di coltivazione dei settori giovanili per rimanere competitivi”. Quale esempio migliore dell’Ajax, ultracompetitivo anche per una corazzata come la Juve?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *