Capotondi: "Restituiamo il calcio alle famiglie"


Un bilancio di questi primi due mesi?

Ci spieghi meglio.




E il divieto alle donne di assistere alla gara di Supercoppa italiana in Arabia Saudita?
“Beh, diciamo che come Lega Pro non c’entriamo nulla”.
E la chiudiamo diplomaticamente qui. Vogliamo parlare della sua Roma?
“Da quando milito in Serie C ho abbandonato il tifo dei club di Serie A…”.
Ma che fa, ride?

Come riesce a gestire il doppio ruolo di dirigente e attrice?

Suo nonno, che lavorava nella Roma come accompagnatore, diceva che le persone le capisci da come si muovono in campo.
“E aveva assolutamente ragione. Quando ho visto giocare Andrea per la prima volta l’ho amato da morire, ho avuto la conferma che fosse la persona giusta: ha un tocco di palla meraviglioso!” (e ride).
E lei come gioca?

Quali sono le convenzioni che le stanno strette?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *