“Prestazione mai mancata Juve? Toglie valore alle altre”


Due k.o. consecutivi possono bastare. Al Friuli Gian Piero Gasperini spera di rivedere la super Atalanta pre-Empoli, quella delle quattro vittorie con tanto di poker-show all’Inter: “Sono soddisfatto dei ragazzi. La prestazione non è mai mancata, nemmeno nelle sconfitte”, uno dei concetti espressi dal tecnico in conferenza stampa. Oggi è giornata di vigilia, domani Atalanta in campo con l’Udinese: “Ottima squadra reduce da due risultati positivi, ma contro di noi potrebbe essere un match diverso rispetto a quelli con Roma e Sassuolo. Anche loro hanno avuto dei problemi, noi ci prepareremo per fare la nostra partita”. Sugli obiettivi stagionali, invece, difficile esprimersi: “Non esistono turni agevoli, il campionato è imprevedibile e molto equilibrato”.
udinese forte — Dopo i friulani, l’Atalanta sfiderà Lazio, Genoa e Juventus: “Classifica molto corta, le cose cambiano velocemente. Per tutti è complicato trovare continuità – prosegue il Gasp -. Per quanto ci riguarda, abbiamo di fronte una serie di appuntamenti importanti che diranno qualcosa in più su ciò che sarà il nostro cammino”. Ancora sul gruppo di Davide Nicola: “Ha dei giocatori forti, penso a Lasagna, Pussetto, Fofana e, ovviamente, a De Paul. Non hanno iniziato al meglio la stagione, ma l’organico è di valore e ritengo abbia il potenziale per fare un buon campionato”. Dal 1’, probabilmente, ci sarà Mandragora. Ragazzo che Gasperini fece esordire al Genoa: “È ancora molto giovane, ha le qualità per fare strada”.
SINGOLI — Si parte dalla difesa. Reparto che, dal punto di vista degli infortuni, oggi porta sia buone che cattive notizie: “Abbiamo avuto dei problemi a livello fisico, ciò può essere una causa per alcuni punti persi. Toloi e Palomino hanno accusato fastidi nelle ultime settimane, Masiello è stato fuori a lungo, mentre Djimsiti non sta ancora bene e non sarà della partita. Contro il Napoli abbiamo risposto, peccato per la stanchezza nel finale. La fase difensiva è fondamentale per migliorare la classifica. In questo siamo mancati già alcune volte, penso soprattutto a Empoli più che alla sconfitta di lunedì”. Sull’attacco: “Giocando con Gomez più due punte abbiamo meno copertura, forse anche per questo abbiamo subito qualcosa in più. Siamo alla ricerca del giusto equilibrio, ma la squadra finora non ha deluso. Rigoni e Zapata? Soddisfatto di entrambi, al pari di tutti gli altri”. L’infermeria, escludendo il lungodegente Varnier e lo stesso Djimsiti, è vuota: “Se non dovesse accusare fastidio nella rifinitura, Toloi giocherebbe. E Barrow è a disposizione”. Chiosa sulla rinuncia al ricorso per Ilicic, che a Udine sconterà l’ultimo dei due turni di stop dopo io rosso di Empoli: “Avendo valutato anche i precedenti, abbiamo compreso che i margini di successo sarebbero stati esigui”.
giovani, occhio — Sulla Serie A, Gasperini è certo: “La Juve fa un campionato a parte, ha vinto anche in una serata in cui l’avversario ha fatto molto bene. I suoi risultati tolgono speranze e valore alle prestazioni delle altre, mi riferisco al Napoli e alla stessa Inter. È l’anomalia del nostro torneo”. Poi analisi approfondita sui giovani, partendo dall’ottimo rendimento della Primavera (vittoriosa ieri a Napoli per 4-3): “Sta ottenendo risultati importanti, ma vedendo il loro campionato sono sempre più convinto che ci sia bisogno di uno spazio intermedio tra la loro categoria e il professionismo. Il salto è enorme, ai ragazzi servono anche 3-4 anni per inserirsi al 100%. E tanti di loro non ce la fanno nemmeno, smentendo tutte le attese che, magari, li aveva accompagnati nel tempo. Noi, come Atalanta, investiamo molto nel settore giovanile, poi per una serie di motivi si rischia di non raccogliere i frutti al momento giusto. Le Seconde Squadre? C’è bisogno di un po’ di rodaggio, ma sono necessarie. Raramente chi fa bene in Primavera è subito pronto per essere protagonista ad alto livello”.
ultime — Dopo i recuperi di Toloi (problema ai flessori della coscia destra) e Barrow (sofferenza retinica superata), per Gasperini sembrano esserci pochi dubbi di formazione: Berisha tra i pali, in difesa col brasiliano ex Roma ci saranno Palomino e Masiello. In mediana solita coppia De Roon-Freuler con Hateboer e Gosens sugli out esterni. Gomez “10” come numero e posizione, trequartista alle spalle di Zapata e di Rigoni, verso la conferma. Varnier (a luglio rottura del crociato, rientro a gennaio) e Djimsiti (fastidio alla zona pubica) gli unici indisponibili. Al termine della conferenza, per la squadra rifinitura a porte chiuse al Bortolotti di Zingonia. A seguire partenza per Udine, domani alle 15:00 il calcio d’inizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *