Perugia, vittoria e 4° posto Crotone, fatale un autogol


Conquista la terza vittoria consecutiva (dopo quelle con Padova e Livorno) il Perugia, che davanti agli 8mila del Curi ha inflitto al Crotone la quarta sconfitta consecutiva in trasferta. Il Perugia è passato in vantaggio con Verre (schierato da Nesta ancora in posizione avanzata alle spalle del tandem d’attacco Vido-Melchiorri), anche se il merito è stato soprattutto del giovane Kingsley, che sulla fascia ha sottratto la palla all’ex Faraoni, per poi servire a centro area il compagno per la conclusione vincente deviata nella propria porta da Sampirisi. In precedenza era stato il Crotone ad avere per ben due volte la palla buona per segnare con Firenze e Rohden, ma anche il Perugia si era creato l’opportunità con Melchiorri. Quest’ultimo prima del riposo ha sfiorato il raddoppio su un’intuizione di Bianco, ma il suo al volo ha mandato la palla di pochissimo a lato. Poi la grossa occasione per il Crotone con il colpo di testa di Molina che ha trovato prontissimo Gabriel alla neutralizzazione d’istinto.
CROCE E DELIZIA — Nella ripresa i calabresi sono entrati in campo più decisi ed hanno trovato il pareggio con il rigore trasformato da Simy e concesso per un ingenuo atterramento dello stesso attaccante nigeriano da parte di Gyomber. Il Perugia è poi tornato in vantaggio con la punizione laterale a girare di Falasco, che si è infilata alle spalle di Festa con la complicità di una deviazione di Simy. Nel finale il Perugia avrebbe potuto segnare la terza rete prima con Melchiorri, dopo una splendida azione personale, e poi con Dragomir in contropiede, ma in entrambi i casi è stato bravissimo il portiere Festa nel ribattere le due conclusioni. Ma anche il Crotone ha avuto la palla con Simy, su errore difensivo del Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *