Ibra: "Non volevo il Psg Ma il Milan mi ha venduto"


La suggestione di un ritorno in rossonero di Ibra stuzzica i cuori dei tifosi ogni giorno di più. È lo stesso svedese nella sua autobiografia “Io sono il calcio” a raccontare gli ultimi giorni a Milanello nell’estate del 2012: “Mi avevano detto di non preoccuparmi, che non sarei stato venduto. Poi però Raiola mi avvisò che presto mi avrebbe chiamato Leonardo, che era d.s. del Psg. Ho detto a Mino: non rispondo. E lui: tanto ti hanno già venduto”.
las volta — Informato della situazione, l’attaccante cercò in tutti i modi di restare a Milano: “Volevo rendere la vita difficile al Paris Saint Germain, così ho detto a Raiola: riferisci ai parigini che voglio lo stesso stipendio che percepisco al Milan più altri benefit. Speravo avrebbero risposto che stavo chiedendo troppo”. La storia, come tutti sanno, ha avuto altro epilogo: “Venti minuti dopo Raiola mi richiama e mi dice: ‘hai ottenuto quello che volevi’. E io poco prima avevo detto a mia moglie Helena che il Psg non avrebbe mai accettato… A quel punto le ho detto di prepararsi a partire: sono un uomo di parola”. Ora Zlatan può riprendersi quello che gli hanno negato 6 anni fa: le voci di un suo clamoroso ritorno in rossonero non si placano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *