Ibra: "Premier, qualità bassa Se ci fossi stato a 25 anni…"


Tornato di moda anche per il mercato, Zlatan Ibrahimovic non è certo il tipico giocatore che se ne va dall’Europa a concludere la propria carriera in silenzio. Anche oltreoceano, da Los Angeles, dove gioca con i L.A. Galaxy, Ibra continua a punzecchiare il calcio che conta. E questa volta l’obiettivo è il calcio inglese.
poca qualità — “La Premier League mi è piaciuta, l’ho trovata molto stimolante ed eccitante. Anche se dal punto di vista qualitativo, della qualità individuale, della tecnica, sia un po’ sopravvalutata. Ma i ritmi sono alti. Anche se sei il migliore, se non tieni quel ritmo non avrai successo” ha dichiarato a Four Four Two.
bilancio — “Il calcio inglese ha avuto la fortuna che non sia andato a giocare lì dieci anni prima: perché se ho fatto quello che ho fatto a 35 anni, immaginate se ne avessi avuti 25…” . Un anno e mezzo al Manchester United, 28 gol e 46 gare, una Coppa di Lega e un’Europa League il suo bottino nella breve esperienza: “Con dieci anni di meno sarebbe stata un’altra storia. Dicevano che arrivavo lì in sedia a rotelle e invece alla fine è stato tutto il contrario”. Non solo desiderio di rivendicare la sua esperienza, però: “Sono super fiero di essere andato allo United, era il club giusto. Mi sentirò legato per sempre ai suoi tifosi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *