Inzaghi: "Che reazione! Non era facile ripartire"


Show all’Olimpico e Lazio che riprende la corsa. Dopo la sconfitta di lunedì scorso con l’Inter, i biancocelesti ripartono con uno spettacolare 4-1 sulla Spal e si riportano momentaneamente al quarto posto solitario in attesa di conoscere il risultato di questa sera del Milan, impegnato a Udine.
la reazione — Non c’era modo migliore per rifarsi dopo la mazzata di settimana scorsa, come ha confermato nel post partita il tecnico della Lazio Simone Inzaghi: “Oggi i ragazzi hanno fatto bene – ha detto l’allenatore a fine partita -, sono contento di come hanno giocato insieme Caicedo e Immobile. Anche Correa quando è entrato ha detto la sua, ho tanta scelta e sono soddisfatto. Siamo al quarto posto, il momento è positivo”. La sconfitta con l’Inter è ormai alle spalle, anche se Inzaghi ammette che il momento è stato difficile da superare: “È stata dura, ma abbiamo analizzato quello che c’è stato di negativo per evitare di commettere di nuovo gli stessi errori – ha spiegato il tecnico biancoceleste -. La reazione è stata ottima, abbiamo vinto sette partite e siamo secondi nel girone di Europa League. Alleno un gruppo di persone serie, che mi ha dato tanto in passato e che sta continuando a darmi tanto. Si allenano nel modo giusto, con professionalità. Milinkovic? Non ha segnato, ma lì davanti abbiamo tanti attaccanti che fanno gol”.
IMMOBILE: “questa la vera lazio” — Protagonista del match, Ciro Immobile: l’attaccante della Lazio ha rifilato una doppietta alla squadra di Ferrara e si è così portato a quota 8 reti in classifica, a sola una rete di distanza dal capocannoniere Piatek. Immobile si dice soddisfatto della gara giocato: “Abbiamo fatto una grande partita, bisognava reagire dopo l’Inter – ha detto dopo il fischio finale -. Dobbiamo continuare così per la classifica e per il morale, sono felice per i due gol, la squadra ne aveva bisogno. Con l’Inter non siamo entrati da Lazio, dopo le critiche questo lo interpreto come un segnale di maturità”. La sosta per le Nazionali è dietro l’angolo e la doppietta di oggi potrebbe essere vista con un segnale per Mancini: “Mi conosce, mi stima e mi ha sempre convocato. Ha dovuto fare delle scelte, mi farò sempre trovare carico”. Infine, la dedica è come al solito per la famiglia e per la moglie Jessica: “I miei due gol sono per lei mi segue sempre, anche in trasferta. La amo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *