Arda Turan, rissa a Istanbul Rompe il naso a un cantante


Arda Turan sale di nuovo agli onori della cronaca per una vicenda davvero poco edificante. Non bastava infatti la maxi-squalifica di 16 giornate che sta ancora scontando per aver spintonato il guardalinee dopo un fallo non assegnato alla propria squadra. Ora il centrocampista del Barcellona in prestito Basaksehir è al centro di un vero e proprio caso che ha scosso la mattinata turca: nella notte di mercoledì, infatti, si sarebbe reso protagonista di una rissa in un nightclub di Istanbul in cui sarebbe andato senza la moglie incinta di 8 mesi. Qui, secondo quanto riportato dai media locali, il calciatore avrebbe cercato di approcciare con Ozlem Ada Sahim, moglie di Berkay, un famoso cantante del paese che, infastidito dal “pressing” di Turan nei confronti della sua consorte, gli avrebbe chiesto di piantarla lì.
naso rotto e pistola? — Nulla da fare perché la discussione tra il cantante e il calciatore è presto sfociata in rissa: ad avere la peggio proprio Berkay finito in ospedale col naso rotto e sottoposto d’urgenza a intervento chirurgico. Ma non è finita qui, perché sempre secondo i media locali, Arda Turan si sarebbe poi presentato in ospedale con una pistola e avrebbe chiesto alla donna di sparargli per porre fine alla sua vita. Versione però subito smentita dal calciatore sul suo profilo Instagram: “È chiaramente una falsità” ha scritto. Sempre sui social il centrocampista ha ammesso di aver avuto un litigio con Berkay ma ha anche fermamente negato che sia stato a causa di sua moglie.
non è la prima volta — Arda Turan non è nuovo a comportamenti fuori dalle righe: nel gennaio 2015 con la maglia dell’Atletico Madrid in una partita contro il Barcellona lanciò uno scarpino al guardalinee; appena un anno fa sul volo con la nazionale turca a Trieste dalla Macedonia aggredì verbalmente e minacciò una giornalista per alcuni articoli a suo dire poco veritieri; infine la squalifica record di 16 giornate per aver insultato e spintonato con forza il guardalinee. Cose turche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *