Allegri, Dybala rimandato: "Deve riprendersi il posto E domani Ronaldo segnerà"


Massimiliano Allegri, in astinenza da conferenze stampa da due settimane, regala subito il titolo. “Bisogna essere un po’ fatalisti, nelle prime gare Cristiano Ronaldo ha tirato tanto e non ha trovato il gol. Ma ha lavorato bene e domani credo che farà gol contro il Sassuolo. E per quello che ha fatto gli assegnerei il Fifa Best Player, senza nulla togliere a Modric”.
si parte — La sensazione, confermata dalle parole di Allegri, è che da adesso, con una partita ogni tre giorni, sarà più facile gestire la rosa. “Che noia giocare una volta a settimana”. E se per Ronaldo c’è grande fiducia, la sensazione è che Paulo Dybala dovrà aspettare ancora prima di tornare dal 1’. “Sono molto contento di come è entrato a Parma. Poi deve fare come gli altri, allenarsi, trovare la condizione. Ho una rosa importante, ho tanti giocatori tecnici che dovrò lasciar fuori e magari usare a partita in corso, visto che si gioca in 14. Non ha giocato perché ho fatto delle scelte tecniche e di formazione. Le qualità di Paulo non le mette nessuno in discussione, ma c’è anche un problema di equilibrio. Se giocano lui, Cristiano e Mandzukic insieme serve grande sacrificio, sennò facciamo fatica in fase difensiva. Oltretutto nelle prime tre partite abbiamo già concesso troppo per i miei gusti. Paulo deve ritrovare il posto da titolare lavorando sul campo. Non conosco altro modo. E su di lui si stanno mettendo pressioni che non vanno bene, perché se domani gioca e non fa una partita così così lo massacrate. Siete i primi che lo vogliono in campo poi lo massacrate. E io devo capire quando non farlo massacrare”.
formazione — “Col Sassuolo chi ha fatto due partite difficilmente gioca, a parte Matuidi. Però sono soddisfatto di come sono rientrati i ragazzi dall’impegno con le nazionali. In porta va Szczesny, ma Perin sta lavorando bene e lo vedrete presto. Chiellini può riposare, anche perché Benatia e Rugani stanno bene. Pjanic non ha problemi particolari, ma le ha giocate tutte e siamo alla vigilia di un ciclo intenso, ci sta che parta in panchina. Può essere il momento di Emre Can, devo valutare se schierare Khedira, mentre Mandzukic è sicuro”.
calcio e fagioli — Una domanda sullo stato del nostro calcio ispira Allegri. “Rivediamo quelle che sono state le idee di calcio degli ultimi 20 anni, per andare avanti deve fare anche due passi indietro. Quello che c’è stato 40 anni fa nel calcio non è tutto da buttare. I giocatori non escono? Ce ne saranno di meno, ma forse c’è anche una metodologia che va un pochino rivista. Non è tutto da buttare quello che è stato fatto negli ultimi 20 anni, non è tutto da buttare quello che è stato fatto negli ultimi 80 anni di calcio. E quindi magari rendere le cose più semplici. Troppo facile dire che i giocatori non escono. Come se all’università non si laureasse nessuno, allora forse qualcuno insegna male. Noi abbiamo un ragazzo del 2001, Fagioli. Vederlo giocare è un piacere, perché conosce il calcio. Sarebbe bello non perdere ragazzi così. E credo che per farlo si dovrebbe fare quello che si faceva prima, lavorare sui singoli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *