Psg, è un'altra goleada Poker anche al Saint Etienne


Non c’era Neymar, lasciato a riposo. Né Mbappé, squalificato. E neppure Buffon, in panchina. Ma per il Psg cambia poco. Anche grazie a Verratti, al rientro dopo oltre un mese di assenza per infortunio. Problemi agli adduttori che gli hanno fatto saltare anche le due partite dell’Italia. Stasera, però, il centrocampista si è ripreso la scena con l’assist per il primo gol di Draxler. Di Cavani il raddoppio su rigore nella ripresa, prima dei sigilli di Di Maria (31′) e Diaby, al primo gol in Ligue 1. Il Psg viaggia a punteggio pieno.
tocco — Il primo tempo il Psg lo amministra senza correre grossi rischi. Anche perché il Saint Etienne, che gioca in contrattacco, ha la mira sbilenca. Sia sotto porta, con Diony (14′), sia sui tiri fa fuori come quello di M’Vila al 21′ che esce comunque di poco. La squadra di Tuchel, schierata con l’abituale 4-3-3 tende ad allungarsi troppo e aprire spazi che gli ospiti non sanno sfruttare. Così al 23′ Verratti, dopo aver calibrato posizione e passaggi, riceve sulla trequarti da Silva e con un tocco morbido serve dentro Draxler. Il tedesco controlla di testa e sempre di testa scavalca Ruffier, resistendo alla carica di Monnet-Paquet. Bello ed efficace. E sufficiente per la prima frazione di gioco che Verratti chiude con 57 palloni giocati.
disciplina — La ripresa si apre con il raddoppio di Cavani su rigore (6′), dopo il fallo di Perrin. Sostituito al 23′ Verratti, dopo 86 palloni giocati, e tra gli applausi del Parco dei Principi. Poi al 31′ ecco il terzo gol con Di Maria, con un sinistro angolato sparato sotto la traversa. Diaby chiude il conto al 40′. Primo gol del 19enne formato in casa e passato per il Crotone. Ma martedì in Champions, ad Anfield, il Psg, senza l’azzurro squalificato come Buffon, dovrà mostrare più disciplina tra i reparti per non patire la velocità offensiva dei Reds.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *