Il Boa: “Qui per due motivi La famiglia e… la pasta”


Non è più un bad boy, anzi: a Francoforte Kevin-Prince Boateng è quasi un eroe. Lo è perché è stato decisivo nell’ultimo atto della Coppa di Germania vinta battendo il Bayern in finale (suo l’assist per il gol di Rebic che ha sbloccato la partita). Un trionfo particolarmente sentito, perché all’Eintracht i titoli mancavano da 30 anni. In estate, dopo una sola stagione in Germania, ha deciso di accettare la corte del Sassuolo. Voleva avvicinarsi a Milano, dove vive la sua famiglia. “Rispetto a Francoforte qui ho l’autostrada per Milano”, ha spiegato il Boa in un’intervista alla Bild. Anche se poi, scherzando (ma non troppo) ha ammesso che lo hanno spinto al trasferimento anche altri fattori: “Qui c’è la pasta. Una pasta molto, molto buona. Recentemente sono andato in un ristorante ed era talmente buona che sono perfino entrato in cucina e per abbracciare la cuoca. Un cibo così buono non è normale. Bisogna stare attenti a non ingrassare”.
maturazione — Boateng da qualche anno si sente diverso. Sente la responsabilità addosso, vuole essere un esempio per i compagni e un motivo d’orgoglio per la famiglia. “Devo dire che nelle ultime 3-4 stagioni mi sto impegnando di più – ha ammesso –. Prima non ero bravo per quel che riguarda la disciplina. Bisogna essere professionisti sempre, anche fuori dal campo. Alla mia carriera per ora do un bel 7. A volte mi sono avvicinato all’8, ma altre sono andato anche sotto al 5”.
leader — Fra campionato e coppa con il Sassuolo ha già segnato 3 gol in 4 partite. Dati che di certo non sorprendono Fredi Bobic, direttore generale dell’Eintracht Francoforte (avversario della Lazio in Europa League), che ha recentemente parlato benissimo di Boateng: “Lo conosco da tanti anni. Giocavamo insieme all’Hertha quando era ancora minorenne. Ovviamente ora è completamente cambiato, ma è normale: è un uomo, non più un ragazzo. La sera esce meno, è più professionale”. All’epoca a Berlino c’era anche Kovac, che Boateng ha ritrovato a Francoforte come allenatore. Proprio la presenza di Bobic e del tecnico croato lo convinsero ad accettare il progetto dell’Eintracht: “Non ho lasciato la Germania solo per avvicinarmi alla mia famiglia ma anche perché Kovac se ne è andato – spiega Boateng alla Bild –. Non era un segreto che fossi andato all’Eintracht per lui. Più di tutto però volevo finalmente lasciare un ricordo positivo in una squadra tedesca. Sapere che posso tornare a Francoforte e che la gente mi accoglierebbe a braccia aperte è bellissimo. Finalmente non sono stato cacciato”. Già, perché in Germania Boateng è stato spesso dipinto come un bad boy, specie dopo la sua avventura allo Schalke (dove venne perfino sospeso) e i litigi con Höwedes. Questa volta è tutto diverso, stavolta Boateng lascia Francoforte da eroe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *