Il Monza va a Berlusconi? "Siamo vicini alla chiusura"


Il presidente del Monza, Nicola Colombo, ha parlato alla stampa tornando sulla manifesta intenzione da parte del duo Berlusconi-Galliani di rilevare il club brianzolo: “È stato un fulmine a ciel sereno, fino a 8 giorni fa non avevo alcun tipo di sentore che potesse arrivare questo tipo di opportunità”. E sembra che la trattiva non sia lontana dal concretizzarsi definitivamente. Anzi.
i tempi — Il numero uno del Monza ha infatti azzardato un’ipotesi sui tempi dell’operazione. “Credo si chiuderà in fretta. Magari non si tratta di giorni ma di poche settimane. Siamo tranquilli e contenti di arrivare ad un accordo a breve, abbiamo condiviso valori ed elementi di una potenziale partnership” , ha affermato Colombo, chiarendo anche sulla sua eventuale posizione nei quadri dirigenziali dopo il cambio di proprietà: “Si è detto che posso rimanere presidente fino al 30 giugno e poi vedremo. Abbiamo il 30%, dipenderà anche dal rapporto che si instaurerà con la nuova maggioranza”.
progetto serio — Dietro la trattativa c’è solo la volontà di far volare in alto i colori del Monza, parola di Colombo: “Prima di tutto c’è un progetto sportivo importante per il Monza, per portare questa squadra in alto. C’è un legame affettivo da parte di Galliani e Berlusconi per la squadra e per il territorio, per il quale si tratta di una grande opportunità, dunque non credo che sia solo un’operazione legata all’immobiliare. Nell’operazione – aggiunge Colombo- rientrerebbe anche la riqualificazione del Brianteo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *