Da Imperia un’altra sfida italiana alla Coppa America


Parte la sfida a trazione imperiese: Columbus 2021, questo il nome del costituendo consorzio per la seconda sfida tricolore alla prossima America’s Cup. Dei tanti fattori necessari ad una sfida così importante, presentati oggi in conferenza stampa ufficiale i volti e i nomi dietro all’operazione di cui si vociferava da tempo, ma i cui contorni erano ancora sfuggenti. Ad aprire le danze è il Sindaco di Imperia, Claudio Scajola, che mette a disposizione il territorio, con la garanzia che questo consorzio apporti i benefici dati dall’indotto di avere una base operativa proprio a Imperia.
ex ministro — Quindi un coinvolgimento della città che non si limita a un appoggio formale, ma vuole essere parte attiva nella sfida. Sfida a trazione nazionale i cui dettagli vengono svelati a poco a poco. I tempi sono strettissimi e con questa consapevolezza, si presentano coloro che sono seduti al tavolo, a partire dal presidente dello Yacht Club di Imperia, Marco Savini, i cui colori sventoleranno a poppa del monoscafo volante per la sfida del 2021. “Siamo consapevoli dell’ambiziosità del progetto – ha spiegato Savini -, ma stiamo ragionando in una sfida e un programma di sviluppo a medio termini e che prevede la partecipazione a due edizioni”. Del resto la tradizione marinara non manca, ha concluso poi Savini, ricordando altresì il gemellaggio di Imperia con uno dei luoghi icona della Coppa, Newport.
bertone — La presentazione è passata poi nelle mani dell’Avvocato Roberto Podda, socio dello studio legale KL Gates, che si occuperà della regia dell’operazione assieme Francesco Sicari,che sarà l’AD della sfida Columbus 2021 in rappresentanza del Gruppo Bertone, capofila di una cordata di aziende. Una sfida senza un tycoon, dunque, ma con una serie di imprese – ancora in via di definizione – e di competenze tutte made in Italy, a cominciare dal cantiere che costruirà la barca, Adria Sail di Fano. Le intenzioni ci sono tutte, anche se in Coppa America, si sa che non bastano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *