Cheryshev, ombre di doping Iniezioni prima del Mondiale


Ombre di doping su Denis Cheryshev, centrocampista che si è messo in mostra agli ultimi campionati del mondo con la sua Russia e che da quest’anno veste la maglia del Valencia, in Spagna, dove è cresciuto calcisticamente. Stando a quanto riportato dal Telegraph, l’ex Real Madrid è sotto indagine poiché sembra che, prima del Mondiale, abbia ricevuto delle iniezioni contenenti l’ormone della crescita da parte di alcuni medici in ritiro con la Nazionale. Un’ipotesi che nasce da alcune dichiarazioni del padre dello stesso Cheryshev rilasciate in un’intervista al giornale russo “Sport Weekend”, ma che secondo la Federcalcio Russa sono state travisate dal giornalista intervistatore, avendo il giocatore in realtà assunto “plasma arricchito in piastrine”, quindi una sostanza legale. Il talento russo sembra sia stato ascoltato sia dall’anti-doping spagnolo che da quello del proprio paese, negando la somministrazione dell’ormone della crescita nella maniera più assoluta. Il Telegraph Sport ha rivelato, inoltre, che a luglio Cheryshev poteva chiedere ai capi anti-doping prove documentali che le iniezioni fossero a norma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *