Icardi: "Che duo con Lautaro" E lui: "L'Inter voleva tornassi"


Un Icardi a tutto campo quello che, dal ritiro dell’Albiceleste, ha parlato alla stampa argentina. “Mi piacerebbe dare l’esempio nell’Argentina come faccio nell’Inter, dove sono anche capitano”, ha detto l’attaccante che ha poi “rassicurato” i tifosi nerazzurri sul suo feeling con il compagno Lautaro, ai box per infortunio: “Lautaro deve stare tranquillo, non è un infortunio grave. Potevamo giocare insieme, nell’Inter è già successo. Ci troviamo benissimo in campo, sicuramente le prossime partite le giocheremo insieme. Lui fa la punta come me ma gioca in maniera diversa, gli piace uscire dall’area, toccare molti palloni. Già nell’Inter ci completiamo molto bene, proprio per questo. Io cerco più il gol, lui cerca più l’assist e fare la giocata”.
ansia inter — Le condizioni del bomber nerazzurro preoccupano la società, che in occasione dei prossimi impegni con l’Argentina ha fatto una richiesta a Icardi: “L’Inter mi ha chiesto di fare attenzione, di conservarmi, ho avuto un sovraccarico su un vecchio infortunio”. Tuttavia la voglia di fare bene con la propria nazionale è tanta: “Sto bene, molto bene. Volevo venire qui, sentivo la necessità di venire, ho fatto il possibile. Non ho giocato con l’Inter e ho fatto il possibile per essere qui, per iniziare al meglio questa nuova tappa”.
lautaro — Stessa solfa anche per l’altro “precario”, Lautaro Martinez, che conferma le richieste della società fatte al compagno: “I medici dell’Inter volevano tornassi in Italia il giorno stesso degli esami ma ho deciso, ovviamente con il benestare dello staff dell’Argentina, di restare con il gruppo, che è un gruppo nuovo. E starò qui fino a sabato, anche perché lunedì devo sostenere nuovi esami”. L’ex Racing però quasi certamente non scenderà in campo a scopo precauzionale: “Da diverse settimane avevo dolore, un sovraccarico. Ma non ho fatto neanche gli esami, ho semplicemente trattato il problema. Ho sentito un po’ di dolore il giorno di Bologna-Inter, per quello non ho giocato. Sono venuto qui, ho fatto gli esami e questa è stata la decisione. Avevo dolore al polpaccio da qualche settimana e così devo saltare queste partite. Abbiamo deciso di non rischiare per non aggravare la situazione, ci sono partite importanti davanti. Cercherò di fare il meglio con l’Inter per poter essere convocato nelle prossime partite”. Lautaro poi parla anche di Icardi: “Mauro? Mi ha chiamato subito, quando sono diventato un giocatore dell’Inter. Si è preoccupato di dove andassi a vivere, se avevo bisogno di qualcosa. Mi ha presentato tutti all’Inter, anche i cuochi e i magazzinieri. Mi ha aiutato tantissimo in questi mesi. E’ molto importante avere vicino uno come Icardi, merita l’affetto dei tifosi dell’Inter e il rispetto che tutti gli portano nello spogliatoio”. E infine anche un commento su Spalletti: “Mi sono sentito benissimo nella posizione dove mi ha provato Spalletti”.
argentina — Icardi torna infine sull’Argentina e sulla mancata partecipazione al Mondiale in Russia, scansando le polemiche: “Non mi chiedo perché non sia stato convocato, il tecnico mi ha lasciato fuori e così è stato. Oggi sto pensando al futuro, non possiamo vivere nel passato. Io ho sempre dimostrato che per l’Argentina sono sempre disponibile. Oggi comincia una nuova tappa, so che per gli argentini è dura pensare alle brutte partite del passato ma ora sto pensando al futuro, solo al futuro. Ho deciso di lasciare da parte tutte le critiche. Che la gente mi voglia in Nazionale è stupendo, ti entra dentro. Vorrei ripagare tutto questo affetto della gente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *