Barça, goleada all'Huesca Brivido iniziale, poi ne fa 8


Il Barcellona aveva fatto 4 reti nelle prime due partite di Liga, ne ha segnate il doppio, 8, al Huesca, neopromossa coraggiosa, irriverente, sciagurata e punita severamente da un Barça spietato nell’approfittare degli spazi lasciati dalla squadra di Leo Franco. I catalani tengono il ritmo del Madrid: le due grandi sono le uniche ancora a punteggio pieno dopo 3 giornate. Il Huesca debuttava al Camp Nou (ed era imbattuto) e dopo 3 minuti è andato in vantaggio con il ‘Cucho’ Hernandez, interessante colombiano di 19 anni di proprietà del Watford, servito dal canterano interista Samuele Longo. E ha segnato anche con Alex Gallar, autore del momentaneo 3-2: le prime reti incassate dal Barça in questa Liga.
JORDI ALBA SCATENATO — Il Barça è sceso in campo con quella che al momento è considerata la formazione migliore da Valverde, Coutinho e Dembélé sulla fascia sinistra e non ha avuto pietà. Pareggio di Messi che si è inventato un gol di destro dopo un’accelerazione che ha mandato gambe all’aria Luisinho, poi due discese letali di Jordi Alba, non convocato in nazionale da Luis Enrique per vecchie ruggini: nella prima autogol di Pulido, nella seconda tap-in di Luis Suarez. In mezzo una traversa di Dembélé.
SENTENZA BLAUGRANA — Il primo tempo è finito 3-2, all’inizio della ripresa è arrivata rapida e durissima la sentenza blaugrana: dopo una traversa di Messi hanno segnato Dembélé, di sinistro con assist di Suarez, Rakitic servito da Messi e ancora Leo lanciato da un taglio verticale di Coutinho. Per Messi 4 reti in Liga e ‘pichichi’ condiviso con Benzema. Leo ha poi offerto a Jordi Alba il settimo sigillo e ha lasciato a Suarez un rigore provocato dallo stesso uruguaiano. Rete di Suarez e per il Barcellona 12 reti segnate, due in più del Madrid. Il ‘Clasico’ duello è già nel vivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *