Papa Kluivert: "Corri Justin A Roma puoi raggiungermi"


L’esordio a 18 anni con l’Ajax, il gol al debutto, 2 Eredivisie, 1 Liga, 2 Supercoppe, una Champions League, una Supercoppa europea e una Coppa Intercontinentale. Il palmares di papà Patrick è ricco, ma la bacheca di casa Kluivert ha ancora spazio. E Patrick spera di arricchirla proprio grazie al figlio Justin che ha cominciato la sua avventura in giallorosso sorprendendo un po’ tutti: suo, domenica contro il Torino, il cross per il gol-vittoria di Dzeko: “Sono molto soddisfatto di quello che sta facendo – confessa Patrick intervistato da Alessandra Bocci nell’edizione odierna de ‘La Gazzetta dello Sport’ -. Parla poco, però è uno che sa ascoltare ed è motivato. Avrei voluto che restasse all’Ajax ancora un anno, ha scelto lui. Credo che la Roma sia una buona soluzione. E poi il salto in Premier League sarebbe stato faticoso. Di Francesco? Per lui parlano i risultati ottenuti. Mi sembra un allenatore preparato, bravo a far crescere i giocatori. Justin ha bisogno di questo, lavorare duro, ma è uno che ama imparare”.
justin, vinci a roma — Se Justin diventerà più forte di Patrick? “Eh, per arrivare dove sono arrivato io deve farne di chilometri – dice ancora Patrick -. Ma ha mostrato talento, ha personalità e tempo per fare una grande carriera. Diciamo che è un altro tipo di attaccante: gioca esterno, gli piace dribblare, però anche in fase difensiva sa lavorare bene. È bravo sia di destro sia di sinistro e vede la porta: se può tirare, tira. Non ha paura di niente, non ha timori a provare la giocata più difficile. Però deve restare con i piedi per terra”. Poi sull’interesse dello United e sul sogno Barcellona che Justin ha rivelato tempo fa, ammette: “Credo che lo United sarebbe stato un salto troppo grande. La Roma è un club importante, ma le pressioni sono minori. La Roma non deve vincere per forza ed è un club abituato al buon calcio. Per Justin è il posto ideale in questo momento. Chi non sogna il Barcellona? Però il calcio italiano sta riprendendo quota e Justin può approfittarne. La Roma gioca un calcio tecnico, viene da risultati positivi anche in Europa. È un bel posto e poi l’ha scelto lui, e Justin è un ragazzo che sa quello che vuole”. Infine, un augurio: “Spero possa vincere lo scudetto. La Juve è la più forte, ma non si sa mai. Vorrei venire presto in Italia: sono impegnato con il nuovo lavoro, però per Justin ho sempre tempo. Voglio vederlo vincere con la Roma. E voglio vederlo felice”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *