Milik dal Milan al… Milan! Gli infortuni sono alle spalle


Vi ricordate di quel ragazzo polacco che un’estate di due anni fa conquistava il Napoli segnando sette gol in 9 partite prima di infortunarsi al ginocchio? A Napoli di Arkadiusz Milik stavano quasi per dimenticarsi. Da una parte una ripresa dai problemi al legamento diventata un calvario lungo due stagioni e dall’altra la definitiva esplosione di Mertens, o meglio Ciro come lo chiamano i tifosi partenopei, come falso nove. Ora però il bomber Milik sembra essere davvero tornato. Il ginocchio non scricchiola più e soprattutto è di nuovo il perno dell’attacco azzurro. L’ex Ajax è andato subito a segno nell’esordio stagionale contro la Lazio, dando il via alla rimonta degli uomini di Ancelotti completata poi da Insigne. E se guardiamo anche allo scorso campionato, Milik va a segno da tre partite consecutive, il centravanti polacco infatti realizzò un gol a testa contro Sampdoria e Crotone nelle ultime due partite dell’ultima Serie A.
il ritorno del bomber — A essere precisi, Milik ha segnato nelle ultime quattro partite in cui è sceso in campo come titolare nell’attacco del Napoli in Serie A. Prima del gol alla Lazio, e dei già citati centri a Samp e Crotone, infatti, la punta polacca aveva segnato anche contro l’Udinese alla 33esima giornata della passata Serie A. In mezzo le sfide con Juventus, Fiorentina e Torino, ma sempre da subentrato. Più in generale se guardiamo al suo ritorno dall’infortunio in gare ufficiali, Milik ha segnato cinque reti nelle ultime nove partite che ha disputato. Insomma, non sono gli stessi numeri del primo Milik a Napoli, ma ci siamo molto vicini. Il Milan è avvisato. E i rossoneri, che sono i prossimi avversari degli azzurri di Ancelotti, si ricordano bene di Milik. Il centravanti polacco, infatti, si presentò in Italia proprio con una doppietta al Milan alla seconda giornata del campionato 2016-17.
magic — Nell’anno in cui l’attacco al fantacalcio è distratto dall’arrivo di Cristiano Ronaldo, e dai soliti noti come Immobile, Higuain e Icardi, Milik può essere la validissima alternativa per la nostra rosa alla Magic. Costa qualche fanta-milione in meno, specie nelle leghe con gli amici, ma potrebbe avere un rendimento molto simile ai migliori. Ancelotti d’altronde si è già detto certo che la sua punta segnerà molti gol in questo campionato e lo stesso Milik ha confermato di sentirsi carico come mai prima d’ora. Consideriamo inoltre che i movimenti offensivi chiesti da Ancelotti, seppur ancora fortemente influenzati dalle logiche tattiche di Sarri, sono ben diversi da quelli visti a Napoli nelle recenti stagioni. La costruzione è ancora molto “sarriana” ma la rifinitura è diversa, la squadra non disdegna più la verticalizzazione anticipata per la punta e il cross a cercare il centravanti è un’opzione nuova. E con assist-man come Insigne, Mertens, Verdi o Callejon, Milik riceverà tanti bei palloni da spingere in porta in questa stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *