De Rossi "sfida" la Lega In campo con la sua fascia


Difficile abbandonare una sposa, anche se a volerlo è la Lega Calcio. La lettera con l’obbligo di indossare la fascia di capitano uguale per tutti è arrivata anche a Trigoria e a riceverla è stato Daniele De Rossi. Ma il numero 16 della Roma, pur senza manifestare apertamente le sue perplessità (come invece il Papu Gomez su Instagram, applaudito tra gli altri da Criscito e Pezzella), ha deciso di fare di testa sua. Almeno per la prima giornata di campionato, in casa del Torino, De Rossi ha scelto di non indossare la fascia bianca e blu con la scritta “capitano”, come invece ha fatto il collega Belotti, e ha messo la sua. Quella dello scorso anno: rossa, perché la maglia della Roma era grigia, con una scritta interna, che può vedere solo lui: “Sei tu l’unica mia sposa, sei tu l’unico mio amor”.
NIENTE MULTA? — Per adesso, da parte della Lega, non dovrebbe arrivare nessuna multa. Da vedere, invece, cosa il centrocampista deciderà di fare nelle prossime settimane: in Europa continuerà ad indossare la sua fascia (senza sponsor, come da regole Uefa), per scoprire cosa sceglierà in Italia appuntamento a lunedì prossimo, quando all’Olimpico ci sarà l’Atalanta. Solo allora, se dovesse giocare dal primo minuto, si saprà se De Rossi avrà accettato la regola della Lega o se, invece, avrà deciso di rimanere fedele, anche simbolicamente, alla sua sposa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *