Lewa tris, trionfo Bayern Manita all'Eintracht: 5-0


Vendetta e riscatto. Il Bayern Monaco vince la Supercoppa di Germania battendo 5-0 l’Eintracht di Francoforte in trasferta. Decisivo Robert Lewandowski, autore di una tripletta (21′, 26′ e 54′), la prima nella storia del torneo. Le altre reti sono di Coman (63′) e Thiago (85′). Per il Bayern è la terza Supercoppa di fila, la settima in totale (il Borussia Dortmund, seconda squadra ad averne vinte di più, è a 5). La passata stagione si era chiusa con la sconfitta del Bayern, nella finale di Coppa di Germania, proprio contro l’Eintracht e con le critiche a Lewandowski reo di aver segnato poco nelle partite decisive. In una partita è cambiato tutto.
la gara — Kovac, all’esordio sulla panchina bavarese (l’anno scorso era all’Eintracht) schiera i suoi con il 4-1-4-1. Torna Neuer, assente con il Bayern da settembre, Robben e Ribery confermati esterni, Müller e Thiago hanno agito dietro a Lewandowski. Parte però meglio l’Eintracht che al 7′ è pericoloso con De Guzman che pesca Abraham la cui conclusione però non è abbastanza potente per mettere in difficoltà Neuer. Al 21′, improvviso, il gol del Bayern: Alaba pesca Kimmich con un lancio lungo, il terzino tedesco trova a sua volta Lewandowski sul secondo palo che sbuca alle spalle di Hasebe e insacca di testa per l’1-0. Al 26′ il raddoppio: su angolo di Robben Ronnow sbaglia l’uscita e Lewandowski realizza il 2-0. Il Bayern abbassa inevitabilmente il ritmo facendo un buon possesso palla. L’unica occasione dell’Eintracht arriva al secondo minuto di recupero quando Hummels è costretto a un fallaccio su Gacinovic (il difensore bavarese viene solo ammonito ma ha rischiato il rosso) lanciato a rete. De Guzman spreca però la punizione sparandola addosso alla barriera.
la ripresa — Nel secondo tempo il Bayern comincia subito con il piede schiacciato sull’acceleratore: al 49′ Ronnov è bravissimo sul tiro da fuori di Robben. Subito dopo però i bavaresi segnano. A Müller riesce l’imbucata centrale per Lewandowski, che si libera ancora di Abraham e realizza il 3-0 al 54′. Passano 9 minuti e i bavaresi calano il poker: bravo Alaba sfondare sulla sinistra e raggiungere il fondo, da lì mette il pallone sul secondo palo dove Coman in spaccata fa 4-0. L’Eintracht diventa cattivo, Abraham dà una gomitata in faccia a Lewandowski, ma per l’arbitro è solo giallo. Anche De Guzman fa male ad Alaba, costretto ad abbandonare il campo per infortunio lasciando il Bayern in 10 (Kovac aveva già effettuato tutti e tre i campi). All’85’, con i bavaresi in inferiorità numerica, Coman sfonda sulla destra e serve Thiago a rimorchio che fa 5-0. Finisce così, con la vendetta del Bayern sull’Eintracht e il riscatto di Lewandowski che risponde con una tripletta alle critiche. Dopo il 90′ altre scintille fra Lewandowski e Abraham, con Robben e Müller che portano via i due litiganti. Kovac comincia la sua avventura al Bayern come aveva fatto Ancelotti due anni fa, conquistando la Supercoppa. Ora però deve vincere il campionato e far meglio nelle coppe.
curiositÀ — Per l’Eintracht, che prima di maggio non vinceva un trofeo da 30 anni esatti, è la seconda finale di Supercoppa. La prima venne persa per 2-0. Il 5-0 del Bayern è il risultato più netto nella storia del torneo (il record era sempre dei bavaresi, con il 4-1 sul Kaiserslautern nel 1990). Ronnov, che all’Eintracht ha sostituito Hradecky, è succeduto al portiere già all’Esbjerg e al Bröndby. Quella di Lewandowski (arrivato a quota 5 in questa competizione) è la prima tripletta nella storia del torneo. Il primo a segnare una doppietta fu Jürgen Wegmann (Bayern Monaco) contro l’Amburgo nel 1987.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *