Esordio amaro per Pjaca Lo Schalke batte la Viola 3-0


La Fiorentina dura un’ora, poi crolla sotto i colpi dello Schalke 04. Finisce 3-0 in Germania, alla Veltins-Arena, davanti a circa 17mila spettatori con i viola che dovranno lavorare ancora duro nella settimana che porterà all’inizio del campionato soprattutto sulla condizione fisica di alcuni elementi. Pioli sceglie la squadra che, ad oggi, scenderebbe in campo contro la Sampdoria, in attesa che i nuovi migliorino. Davanti a Lafont, Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo e Biraghi. A centrocampo fuori Veretout, che dovrà saltare le prime due di campionato per squalifica, e spazio a Norgaard, Gerson e Benassi. Davanti con Chiesa e Simeone c’è Eysseric.
EQUILIBRIO — Il primo tempo conferma quanto visto durante tutta l’estate. La Fiorentina pare solida, equilibrata e ben messa in campo. Reparti corti e tanta corsa. Poca, però, la fantasia così come grandi le difficoltà di arrivare alla rete. Presto toccherà a Pjaca colmare questa lacuna. E così viola totalmente dentro la partita con grande compattezza, ma capace di creare una sola vera occasione da gol con il sinistro al volo di Benassi al 14’ deviato miracolosamente in corner da Fährmann. Per i tedeschi unico acuto di Embolo. Il cui gol viene annullato per una posizione di fuorigioco.
OCCASIONI SPRECATE — Il secondo tempo riparte con Mirallas, all’esordio, al posto di Eysseric. Due minuti ed i viola si divorano il vantaggio. Chiesa vola via a sinistra e calcia, Fährmann respinge sui piedi di Simeone che da pochi metri non riesce a segnare. Due minuti più tardi ci prova lo Schalke con la punizione dell’ex Nastasic che finisce sul palo a Lafont battuto. Fino a qui buona la prestazione viola in casa di un’avversaria molto forte.
CROLLO — Al 60’ esordio anche per Pjaca, dentro al posto di Chiesa. La Fiorentina arretra, i tedeschi prendono sempre più campo ed il vantaggio è una logica conseguenza. Ceccherini buca su un cross basso dalla destra, McKennie si inserisce tra Pezzella e Milenkovic e batte Lafont da due passi. I viola crollano, non riuscendo più ad imbastire una singola azione di gioco mentre i tedeschi dominano e passano altre due volte con Skrzybski, scattato sul filo del fuorigioco, e Teuchert, abile ad insaccare sotto la traversa dopo un pallone perso malamente da Ceccherini a centro area. Finisce qui il precampionato viola. Appuntamento tra otto giorni a Genova contro la Samp. Servirà una squadra in grado di reggere novanta minuti e di creare qualche occasione in più per iniziare il campionato con il piede giusto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *