Lopetegui, rischio esonero La federazione è infuriata


La nazionale spagnola è nel caos. L’annuncio del Madrid sulla contrattazione di Lopetegui come prossimo allenatore del club ha creato polemiche infinite e gettato la federazione nel panico.
SCURO UN VOLTO — Ieri sera Luis Rubiales, neoeletto presidente federale, è atterrato a Krasnodar, sede del ritiro della Roja, scuro in volto e costantemente attaccato al telefono. All’uscita ad attenderlo un manipolo di cronisti spagnoli. Rubiales ha detto che non era il momento di parlare e che prenderà una decisione “per il bene della Spagna”.
ALTO TRADIMENTO — Il presidente federale ha rinnovato il contratto di Lopetegui fino al 2020 due settimane fa e si sente tradito dal c.t.. Rubiales ha saputo dell’accordo tra Lopetegui e il Madrid appena pochi minuti prima dell’annuncio della Casa Blanca ed è andato su tutte le furie. Il suo primo pensiero è stato quello di cacciare Lopetegui su due piedi ma visto che mancano due giorni alla sfida col Portogallo i suoi consiglieri stanno cercando di convincerlo a mediare e a tenere il c.t. ma nelle ultime ore crescono le voci su una decisione forte, quella – appunto – dell’esonero. In caso di esonero la panchina andrà a Fernando Hierro, attuale d.t. della Nazionale, o a Celades, attuale allenatore dell’Under 21. Entrambi sono a Krasnodar.
POLEMICHE — Alle 11.30 italiane (era alle 10.30, è stata posticipata di un’ora) è prevista una conferenza stampa vedrà insieme Lopetegui e Rubiales (quest’ultimo sembrava potesse dare forfait). L’aria nel ritiro della Spagna è tesissima, e a casa tifosi e giornalisti da ieri sottolineano la mancanza di riguardo mostrata dal Madrid nei confronti della nazionale e l’opportunismo di Lopetegui. Tra poco ne sapremo di più. Certo che un cambio di allenatore alla vigilia della competizione sarebbe clamoroso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *