Fury, il ritorno è vincente Seferi abbandona dopo 4 round


Un ingresso da star, accompagnato dalle note dei Carmina Burana, poi la vittoria. Novecentoventiquattrogiorni dopo l’ultimo combattimento, Tyson Fury alla Manchester Arena ha trionfato dopo l’abbandono dell’avversario 40enne albanese Sefer Seferi dopo il quarto round.
Per il 29enne ex campione del mondo dei massimi era il ritorno dopo la vittoria a sorpresa su Vladimir Klitschko nel novembre del 2015, a fermarlo era stato anche un caso doping, era stato trovato positivo a diverse sostanze, tra cui il nandrolone e la cocaina. La svolta a inizio 2018, quando gli è stata restituita la licenza e Fury, per tornare sul ring, ha perso oltre 50 kg, Ira ad agisti affronterà a Belfast il nordirlandese Carl Frampton.
la sfida — Seferi ha gettato la spugna dopo il 4° round, scatenando i fischi del pubblico, ma già il combattimento non aveva mantenuto le promesse. Seferi, che paga 25 cm di altezza e 30 kg di peso al suo avversario, si era mostrato attendista. Ma la stessa tattica è stata adottata da Fury. “Non avevo fretta, stavo prendendo il mio tempo”, ha detto Fury, che voleva godersi “la gioia di essere di nuovo un atleta”.
Fury ora ha 26 vittorie in altrettanti combattimenti nei professionisti. Ha già sfidato il suo connazionale Anthony Joshua che detiene tutte le sue vecchie cinture e spera di affrontarlo entro un anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *