Campo, luci e seggiolini San Paolo tra caos e lavori


Inizieranno domani i lavori di ristrutturazione al San Paolo, programmati per le Universiadi del 2019 ma necessari anche per ospitare le gare, sia di campionato sia di Champions, del Napoli nella prossima stagione.
I TEMPI — Pista di atletica ed illuminazione le priorità per le Universiadi, terreno di gioco e seggiolini le priorità del club azzurro che ha strappato una promessa da venti milioni di euro al governatore regionale De Luca. Il problema sono i tempi di realizzazione delle opere perché la Uefa ha già concesso deroghe in passato per i seggiolini, attualmente non a norma, dietro la promesse che sarebbero stati sostituiti entro fine 2017. Invece, per ora non sono stati neppure smontati quelli vecchi e così il Napoli non può lanciare la campagna abbonamenti visto che non è chiaro quando e per quanto alcuni settori dello stadio verranno chiusi.
STAFF — Inoltre, dal concerto in memoria di Pino Daniele, il prato del San Paolo è uscito sofferente (vedi foto) anche se in condizioni comunque accettabili. In settimana ci sarà un consulto con Castelli, l’agronomo della Lega, per decidere eventuali interventi. Infine, novità nello staff di Ancelotti: potrebbe essere confermato il preparatore atletico Francesco Sinatti, già con Sarri in azzurro negli ultimi tre anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *