Rossi-Genoa: è già finita Ma per i gol arriva Piatek


Sembra già finita l’avventura di Giuseppe Rossi al Genoa. Il Grifone non eserciterà l’opzione sul cartellino del giocatore, che era arrivato (svincolato) sotto la Lanterna a fine novembre, con uno stipendio ridotto, accettando la scommessa del presidente Enrico Preziosi per rilanciarsi. Non è andata, in realtà, come lui avrebbe sperato. Non (soltanto) per colpa sua. I rossoblù hanno vissuto una stagione travagliata, e l’arrivo di Davide Ballardini a Genova al posto di Ivan Juric, alla ricerca dell’ennesima sofferta salvezza, lo dimostra. E proprio da qui bisogna partire: il neo-tecnico rossoblù aveva bisogno di giocatori in grado di dare un contributo di grande sostanza per evitare al Genoa di ritrovarsi in cattive acque a fine stagione. E il profilo di Rossi, che fra l’altro ha dovuto fare i conti con qualche problemino fisico di cui mai aveva sofferto prima in carriera, non er quello ideale. Non c’è stato spazio nel Genoa, a parte le ultime giornate, per giocatori votati naturalmente al bel gioco. Infatti, Rossi ha trovato spazio solo quando i rossoblù avevano messo in cassaforte la salvezza, e Ballardini ha potuto rischiare qualcosa mandandolo in campo.
new entry — E proprio la stessa dimensione calcistica di Rossi, un esteta del pallone, non lo fa rientrare fra i giocatori che Ballardini vorrebbe avere nella nuova stagione. Inutile, insomma, continuare il cammino insieme, quando fra l’altro il Genoa avrebbe dovuto confermarlo con un ingaggio ben più alto di quello con cui Pepito era arrivato a Genova. Intanto è ufficiale l’acquisto a titolo definitivo dell’attaccante 22enne polacco Krzysztof Piatek, 21 reti segnate nell’ultima stagione con il KS Cracovia. Per lui, un compito importante: quello di cancellare la crisi del gol che ha investito i rossoblù nell’ultimo campionato: solo 33 quelli segnati dal Grifone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *