La Rai: "Tifosi danneggiati Così 90° minuto chiuderà"


Ciò che era stato immediatamente paventato nel pomeriggio si trasforma in un rischio concreto: la storia trasmissione 90° minuto potrebbe scomparire se non cambieranno le regole sulla trasmissione in chiaro degli highlights della Serie A decise oggi dalla Lega. Ad ammetterlo è proprio la Rai in un comunicato diffuso in serata: “Potremmo essere costretti a rinunciare a trasmissioni storiche come 90° minuto”, si legge nella nota.
lo stupore — “In merito allo scenario che si va definendo relativamente all’acquisto dei diritti televisivi del campionato di calcio di Serie A per le prossime tre stagioni, la Rai evidenzia con stupore che si è davanti ad un rischio grave e incomprensibile per il servizio pubblico: non far vedere a tutti gli italiani il sabato sera e la domenica pomeriggio le immagini salienti delle partite, come avvenuto per oltre mezzo secolo, ma solo a chi può permettersi abbonamenti con privati”. Lo afferma la Rai in una nota dura in cui chiede alla Lega di Serie A di “rivedere una decisione che danneggia tutti i tifosi” ed ipotizza la chiusura di una trasmissione storica come 90° minuto. “La Rai – aggiunge infatti il comunicato – che ha contribuito, nel corso degli anni, a rendere il calcio lo sport più popolare, potrebbe essere costretta a rinunciare a trasmissioni storiche come 90° minuto. Chiediamo pertanto ai presidenti delle società di Serie A – conclude la nota – di rivedere questa decisione che danneggia prima di tutto i loro stessi tifosi e tutti gli appassionati di calcio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *