Contest Red Bull B-Best Ecco i 4 moschettieri


Il Red Bull B-Best proclama le sue sentenze: dopo 42 giornate di grande battaglia, il contest organizzato dalla Red Bull, in collaborazione con la Lega Serie B e La Gazzetta dello Sport proclama i suoi vincitori assoluti. Coloro che hanno rappresentato non solo per una giornata, ma per tutto il campionato, le 4 categorie di merito: Carisma, Cuore, Energia e Genio.
carisma — Partita lottando fra le grandi, la Cremonese ha avuto paura di retrocedere e poi si è salvata. Merito anche dei 6 gol, della continuità e dell’infinito carisma di Michele Cavion, cercato anche dai club di Serie A nel corso della stagione. I suoi inserimenti, sempre preziosi, sono stati premiati più volte dai lettori della Gazzetta. E il suo carisma è talmente grande da battere la concorrenza dell’Airone Caracciolo (Brescia), di Ammari (Spezia) e di Ardemagni (Avellino).
cuore — Nato ad Ascea, in provincia di Salerno, Angelo D’Angelo è diventato grande con la maglia dell’Avellino. Un capitano esemplare, dotato di un cuore infinito. Tre reti quest’anno, spesso nei minuti finali, mettendo in mostra la voglia di non mollare mai. Una caratteristica premiata dai lettori, che gli hanno fatto vincere il rush finale a suon di voti, battendo la concorrenza di Mazzeo (Foggia), Coronado (Palermo) e Carletti (Carpi).
energia — L’Ascoli si è salvato con un doppio 0-0 ai playout contro l’Entella, in virtù della miglior posizione in classifica. Ma in una stagione complicata, in bilico fino all’ultimo, si è distinta l’energia di Andrea Favilli. Una bomba ad orologeria, capace di segnare 5 reti in 12 partite, aiutando la squadra a evitare la retrocessione. La rottura del legamento crociato gli ha fatto saltare gran parte del campionato, ma Favilli (ex Juventus) ha il futuro dalla sua parte. Ha battuto la concorrenza di Kragl (Foggia), Adamonis (Salernitana) e Buonaiuto (Perugia).
genio — Non sono bastate le maglie eccezionali di Gilardino (Spezia), Rosina (Salernitana) e Ciano (Frosinone). Il più grande genio del campionato è di Riccardo Improta: 8 gol – molti di pregevole fattura – utili a portare il Bari ai playoff, ma non a superare il primo turno. Improta ha segnato dei gol splendidi, con giocate funamboliche. Per questo è il genio dei geni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *